» 
Arabic Bulgarian Chinese Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Finnish French German Greek Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Italian Japanese Korean Latvian Lithuanian Malagasy Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swedish Thai Turkish Vietnamese
Arabic Bulgarian Chinese Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Finnish French German Greek Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Italian Japanese Korean Latvian Lithuanian Malagasy Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swedish Thai Turkish Vietnamese

definition - cultura

definition of Wikipedia

   Advertizing ▼

synonyms - cultura

see also - cultura

cultura (n.f.)

culturale

cultura (n.)

erudito

   Advertizing ▼

phrases

-Agenzia Nazionale per la Cultura della Sicurezza nell'Edilizia • Agenzia esecutiva per l'istruzione, gli audiovisivi e la cultura • Anteprima (cultura) • Associazione per la libertà della cultura • Associazione per la tradizione e la cultura Niklot • Benemeriti della cultura e dell'arte • Capitale europea della cultura • Centro di Cultura Scientifica Ettore Majorana • Centro di documentazione Cultura della Legalità Democratica • Ciclo della Cultura • Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli • Civica raccolta d'arte, storia e cultura • Come farsi una cultura mostruosa • Cultura Chachapoyas • Cultura Chavín • Cultura Chernogorovka • Cultura Deverel-Rimbury • Cultura Dilmun • Cultura Dorset • Cultura Folsom • Cultura Gushi • Cultura Halaf • Cultura Hassuna-Samarra • Cultura Indipendenza I • Cultura Indipendenza II • Cultura Kura-Araxes • Cultura Kurgan • Cultura Libera • Cultura Maykop • Cultura Novocherkassk • Cultura Paracas • Cultura Saqqaq • Cultura Sociale politica letteraria • Cultura Starčevo • Cultura Sub-Bonnannaro • Cultura Trialeti • Cultura acheuleana • Cultura appenninica • Cultura ateriana • Cultura australiana aborigena • Cultura classica di Veracruz • Cultura colchica • Cultura danubiana • Cultura degli Stati Uniti • Cultura dei campi di urne • Cultura dei castellieri • Cultura dei tumuli • Cultura dei vasi a bocca quadrata • Cultura del Bug-Dniester • Cultura del Rinaldone • Cultura del Texas • Cultura del bicchiere imbutiforme • Cultura del vasellame bucherellato • Cultura del vasellame decorato a tratteggi • Cultura del vaso campaniforme • Cultura dell'Iraq • Cultura dell'Irlanda • Cultura della Corea • Cultura della Repubblica Democratica del Congo • Cultura della ceramica a pettine • Cultura della ceramica cardiale • Cultura della ceramica cordata • Cultura della ceramica decorata a punzone • Cultura della ceramica lineare • Cultura delle anfore globulari • Cultura delle catacombe • Cultura dello stupro • Cultura di Abashevo • Cultura di Abealzu-Filigosa • Cultura di Adena • Cultura di Afanasevo • Cultura di Ahrensburg • Cultura di Amburgo • Cultura di Andronovo • Cultura di Arzachena • Cultura di Baden • Cultura di Bonnanaro • Cultura di Bonu Ighinu • Cultura di Bromme • Cultura di Bükk • Cultura di Canegrate • Cultura di Castelluccio • Cultura di Cernavoda • Cultura di Chernogorovka • Cultura di Cishan • Cultura di Coţofeni • Cultura di Cucuteni-Trypillian • Cultura di Ezero • Cultura di Federmesser • Cultura di Fremont • Cultura di Golasecca • Cultura di Gumelniţa-Karanovo • Cultura di Hallstatt • Cultura di Houli • Cultura di Jastorf • Cultura di Karanovo • Cultura di Karasuk • Cultura di Keszthely • Cultura di Kiev • Cultura di Koban • Cultura di Kunda • Cultura di La Tène • Cultura di Lengyel • Cultura di Longshan • Cultura di Lyngby • Cultura di Malta • Cultura di Monte Claro • Cultura di Narva • Cultura di Novocherkassk • Cultura di Novočerkassk • Cultura di Ozieri • Cultura di Peiligang • Cultura di Pengtoushan • Cultura di Polada • Cultura di Porto Rico • Cultura di Przeworsk • Cultura di Remedello • Cultura di Sasso-Fiorano • Cultura di Sredny Stog • Cultura di Srubna • Cultura di Tagar • Cultura di Taštyk • Cultura di Thapsos • Cultura di Tlatilco • Cultura di Unetice • Cultura di Vinča • Cultura di Weimar • Cultura di Wielbark • Cultura di Xinglongwa • Cultura di Yamna • Cultura di Yangshao • Cultura di Zarubintsy • Cultura di massa • Cultura di vergogna • Cultura di Černjachov • Cultura e vita morale • Cultura eburrana • Cultura esperantista • Cultura giapponese • Cultura giovanile • Cultura iberomaurusiana • Cultura italiana • Cultura kurgan • Cultura lesbica • Cultura lupembana • Cultura manutentiva • Cultura moderna • Cultura natufiana • Cultura popolare • Cultura sangoana • Cultura sonora • Cultura swideriana • Cultura underground • C³ - Centro per la cultura e la comunicazione • De agri cultura • Decennio internazionale di promozione di una cultura della non violenza e della pace a profitto dei bambini del mondo • Dichiarazione per una Cultura della Pace • Dimensioni. Rivista abruzzese di cultura e d'arte • Federazione Italiana Pesistica e Cultura Fisica • Festival della Cultura Ebraica a Cracovia • Fondazione per il libro, la musica e la cultura • Gabber (cultura) • Genova capitale europea della cultura • Grande ruota della cultura • Gruppi sanguigni nella cultura giapponese • Hitler nella cultura popolare • Istituti italiani di cultura all'estero • La Cultura • La Cultura (rivista) • Littoriali della cultura e dell'arte • Medaglia ai benemeriti della scienza e della cultura • Ministero della Cultura Popolare • Movimento Cultura Libera • Museo della cultura popolare contadina • Myr Cultura • Nebulose nella cultura popolare • Oba (cultura edo) • Ordine della Cultura • Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura • Paesaggio della cultura vinicola dell'isola Pico • Palazzo della Cultura • Palazzo della Cultura e della Scienza • Palazzo della cultura di Messina • Parco della musica e della cultura • Parco nazionale storico della cultura Chaco • Pontificio Consiglio della Cultura • Premio Internazionale Medaglia d'Oro al merito della Cultura Cattolica • Programma cultura 2000 • Punk (cultura) • Sacrifici umani nella cultura azteca • Sacrificio umano nella cultura araba preislamica • Sistema di numerazione nella cultura dei campi di urne • Ufficio federale della cultura

analogical dictionary



 

manque d'instruction - savoir (fr)[ClasseOppos.]

liking; preference (en)[Classe]

tournure d'esprit (fr)[Classe]

culture; raising; rearing; upbringing; education; knowledge (en)[ClasseHyper.]

philosopher (en)[Classe]

man of letters; essayist; litterateur; writer; author (en)[Classe]

gens de lettres (fr)[Classe]

personne savante dans les lettres, la littérature (fr)[Classe]

qui a acquis un savoir (fr)[Classe]

qui a acquis une grande connaissance (fr)[Classe]

(science; scientific knowledge), (eruditeness; erudition; learnedness; learning; scholarship; encyclopedism; encyclopaedism; knowledge), (art) (en)[Thème]

(eruditeness; erudition; learnedness; learning; scholarship; encyclopedism; encyclopaedism; knowledge), (discipline; subject; subject area; subject field; field of study; bailiwick; speciality; specialty) (en)[Thème]

(dictionary; lexicon), (keyword; lemma; headword; entry; code word; key word; lexical entry; dictionary entry) (en)[Thème]

(culture; raising; rearing; upbringing; education; knowledge) (en)[Thème]

(dictionary; lexicon), (keyword; lemma; headword; entry; code word; key word; lexical entry; dictionary entry) (en)[termes liés]

pedagogy (en)[Domaine]

EducationalProcess (en)[Domaine]

literature (en)[Domaine]

Position (en)[Domaine]

factotum (en)[Domaine]

SubjectiveAssessmentAttribute (en)[Domaine]

duration, length (en) - delay, hold, postponement, time lag, wait (en) - cognitive content, content, mental object (en) - author, writer (en) - compiler (en) - egghead, intellect, intellectual (en)[Hyper.]

continue (en) - drag out, draw out, extend, prolong, protract, spin out, stretch out (en) - carry on, continue, go on, proceed (en) - continue, keep, keep going, keep on, retain (en) - keep up, prolong, sustain (en) - carry on, continue, get about, go along, go on, keep, keep going, keep it up, keep on, proceed (en) - be left, be left over, continue, remain, stay, stay on (en) - continue (en) - drawn-out, extended, lengthy, prolonged, protracted (en) - develop, educate, prepare, train (en) - educationalist, educationist (en) - compile, compose, put together (en) - encyclopaedism, encyclopedism, eruditeness, erudition, knowledge, learnedness, learning, scholarliness, scholarship (en) - studentship (en) - learned, scholarly (en)[Dérivé]

educate (en)[Nominalisation]

cyclopaedia, cyclopedia, encyclopaedia, encyclopedia (en)[PersonneQuiFait]

educated (en)[Similaire]

cultura (n.)





Wikipedia

Cultura

                   

La nozione di cultura discende dal verbo latino colere, "coltivare". L'utilizzo di tale termine è stato poi esteso a quei comportamenti che imponevano una "cura verso gli dei", da cui il termine "culto".

Indice

  Cultura

Il concetto moderno si può intendere come quel bagaglio di conoscenze e di pratiche acquisite ritenute fondamentali e che vengono trasmesse di generazione in generazione. Tuttavia il termine cultura nella lingua italiana denota più significati principali di diversa interpretazione:

  • Una concezione(Positivismo/utilitarismo), pragmatica presenta la cultura come formazione individuale, volta all'esercizio di acquisizione di conoscenze "pratiche".In tale accezione essa assume una valenza quantitativa, per la quale una persona può essere più o meno colta(pseudo-saperi);
  • Una concezione(Antropologia/Etica), metafisica presenta la cultura come un processo di sedimentazione dell'insieme patrimoniale delle esperienze condivise da ciascuno dei membri(Morale/Valoriale), delle relative società di appartenenza (Sociologia/Istituzioni), dei codici comportamentali condivisi(Morale/Costumi), del senso etico del fine collettivo (Escatologia/Idealismo), e di una visione identitaria storicamente determinata(Antropologia identitaria/Etnicità), come espressione ecosistemica di una tra le multiformi varietà di gruppi umani e civiltà nel mondo. Concerne sia l'individuo, che i grandi gruppi umani(Sociologia/Collettività), di cui egli è parte. In questo senso il concetto è ovviamente declinabile al singolare, riconoscendosi ciascun individuo quale membro "di diritto", del gruppo etno-culturale di appartenenza Etno-identitaria, nonché nel "patto di adesione sociale" e nelle sue regole etiche ed istituzionali volte al fine della "autoconservazione" del gruppo etnico stesso.
  • Una concezione di senso comune è, inoltre, il potere intellettuale o "status", che vede la cultura come luogo privilegiato dei "saperi" locali e globali, tipico, delle Istituzioni "superiori", come le "conoscenze specializzate"(Scienza/tecnologia), la Politica(Parlamento/Partiti), l'Arte(Spettacolo/Rappresentazione), l'Informazione(Media/Comunicazione), la interpretazione storica degli eventi ( Storia/Ideologie), ma anche la influenza sui fenomeni di costume (Società/Modelli), e sugli orientamenti (Filosofia/Credenze religiose), delle diverse popolazioni, fino a livelli di misura planetaria.
  • Una concezione di tipo Istituzionale (Educazione/Pedagogia), che vede la cultura come strumento di formazione di base e di preparazione al lavoro nell'ordine di una Società economica, meritocratica e delle competenze remunerabili;

E' opportuno ricordare che il 13 Settembre del 2007, a New York è stata approvata la DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DEI POPOLI INDIGENI (45 Articoli), con voto quasi unanime (4 contrari), i cui si sancisce che "Le popolazioni indigene hanno il diritto di praticare e vivere le loro tradizioni e costumi, di essere rispettati nei loro diritti religiosi e spirituali e nelle loro proprietà intellettuali". Tale Dichiarazione fa seguito a quella precedente della "AUTODETERMINAZIONE DEI POPOLI" della Carta delle Nazioni Unite del 1945, del Patto Internazionale sui diritti civili e politici (ONU) del 1966, nonché del trattato CSCE ad Helsinki nel 1975.

  Usi tipici

Alcuni usi tipici del termine, nella vita quotidiana, possono essere utili ad indicare l'estensione semantica del concetto:

Esistono quindi diversi significati del concetto di cultura:

  • Secondo una concezione classica la cultura consiste nel processo di sviluppo e mobilitazione delle facoltà umane che è facilitato dall'assimilazione del lavoro di autori e artisti importanti e legato al carattere di progresso dell'età moderna.
  • Secondo una concezione antropologica la cultura - o civiltà - presa nel suo più ampio significato etnologico è “quell'insieme complesso che include il sapere, le credenze, l'arte, la morale, il diritto, il costume, e ogni altra competenza e abitudine acquisita dall'uomo in quanto membro della società” secondo la nota definizione dell'antropologo inglese Edward Tylor (da Cultura primitiva, 1871).

Negli anni, la definizione antropologica di Cultura è molto cambiata, secondo l'antropologo Ulf Hannerz, "una cultura è una struttura di significato che viaggia su reti di comunicazione non localizzate in singoli territori".

La definizione dell'Unesco considera la cultura come "una serie di caratteristiche specifiche di una società o di un gruppo sociale in termini spirituali, materiali, intellettuali o emozionali".

L'uso popolare della parola cultura in molte società occidentali può riflettere semplicemente il carattere stratificato di queste società: molti usano questa parola per designare i beni di consumo, e attività come ad esempio la cucina, l'arte o la musica. Altri usano il termine di "cultura alta" per distinguere quest'ultima da una presunta cultura "bassa", intendendo con quest'ultima l'insieme dei beni di consumo che non appartengono all'élite.

  In antropologia

La cultura in senso antropologico consiste in:

  • Sistemi di norme e di credenze esplicite, elaborati in modi più o meno formalizzati.
  • Costumi e abitudini acquisite da esseri umani per il semplice fatto di vivere in determinate comunità, comprese quindi le azioni ordinarie della vita quotidiana.
  • Artefatti delle attività umane, dalle opere d'arte vere e proprie agli oggetti di uso quotidiano e tutto quanto fa riferimento alla cultura materiale, al sapere necessario per vivere.

Le caratteristiche che definiscono la cultura nella concezione descrittiva dell'antropologia sono principalmente tre:

  • La cultura è appresa e non è riducibile alla dimensione biologica dell'uomo. Ad esempio il colore della pelle non è un tratto culturale bensì una caratteristica genetica.
  • La cultura rappresenta la totalità dell'ambiente sociale e fisico che è opera dell'uomo.
  • La cultura è condivisa all'interno di un gruppo o di una società. Essa è distribuita in maniera omogenea all'interno di tali gruppi o società.

Perché un'azione o un tratto possano essere definiti "culturali" occorre quindi che siano condivisi da un gruppo. Ciò però non significa che un fenomeno "culturale" debba essere obbligatoriamente condiviso dalla totalità della popolazione: è necessario lasciare spazio per la normale variabilità individuale.

Anche per quanto riguarda le variazioni di comportamento tra individuo ed individuo all'interno di una società, però, è possibile individuarne dei limiti circoscritti proprio dalle norme sociali che regolano quel determinato gruppo.

Frequentemente gli individui appartenenti ad una determinata cultura non percepiscono la loro condotta regolata da tali norme che impongono quale comportamento sia consentito e quale no.

In antropologia l'insieme di queste norme sociali (comunemente chiamate "ideali") vengono definite modelli culturali ideali.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi le voci antropologia culturale e antropologia sociale.

.

  Le proprietà antropologiche della cultura

La Cultura è:

  • un complesso di modelli (idee, simboli, azioni, disposizioni) PER e DI:

In tutte le culture esiste un modello di (es. pulizia, decoro, legge), un modello attraverso cui si pensa qualcosa. I modelli di generano modelli per, modelli guida al diverso modo di agire

  • operativa: permette un accostamento al mondo in senso pratico e intellettuale e un relativo adattamento ambientale. Permette quindi di passare dall'ideale all'operatività.
  • selettiva: effettua infatti una selezione di modelli funzionali al presente
  • dinamica: si mantiene nel tempo, ma non è fissa. Interagendo con altre culture vi sono cambiamiamenti reciproci.
  • stratificata e diversificata: all'interno della stessa società si notano differenze culturali in base all'età, al genere, al reddito, ecc., e queste differenze condizionano i comportamenti sociali. A seconda delle società vi è inoltre una diversa distribuzione della cultura.

La cultura presenta al proprio interno dei dislivelli. Gramsci, schematizzando, parlò di Cultura Egemonica (che ha il potere di definire i suoi confini) e Cultura Subalterna che, non avendo tale potere, non ha possibilità di definirsi. Ad esempio la divisione tra Hutu e Tutsi è nata in seguito alla colonizzazione belga. Nella società moderna, pur essendo presenti differenze culturali su base linguistica ed etnica, esse sono tollerate perché viene favorita l'integrazione culturale tramite l'istruzione obbligatoria e le classi sociali non hanno confini rigidi: Baumann addirittura parla di «modernità liquida».

  • basata sulla comunicazione: la cultura nasce infatti da uno scambio costante
  • olistica: (da olòs, intero) ed è quindi formata da elementi interdipendenti tra loro. Ad esempio vi è un legame tra la religione e l'alimentazione di un paese e di conseguenza sull'economia. Secondo alcuni antropologi alcune culture sono più olistiche perché realizzano meglio questa interdipendenza tra elementi (es. la divisione nelle caste indiane e lo stretto legame tra di esse).
  • porosa: vi sono continui sconfinamenti tra le culture ed è difficile definire un vero limite, un vero confine tra culture.

La Cultura non è apparato esteriore della vita. È consapevolezza pratica legata alla propria esperienza individuale (nihil in intellectu quod non fuerit in sensu) , divenuta anche teorica attraverso una rete concettuale via via più complessa in base all'apporto del mondo esterno, delle esperienze altrui, di quanto gli autori-aumentatori hanno trasmesso di loro e del loro mondo (della loro epoca). È fatto sia individuale che sociale. Sociale però anche in senso negativo: i modelli che provengono dall'esterno, proprio perché si pongono come modelli, ci rendono passivi se ci danno l'illusione di aver trovato il significato e persino il fine da perseguire. Più che di imitazione, dinamica ricerca di miglioramento, si tratta spesso di pura e semplice seduzione ovvero di sviamento. Negli aspetti sociali della cultura c'è più apparato esteriore che stimolo alla personalità di ciascuno: più paternalismo e padreternismo e madonnismo e machismo che autentica liberazione. Più competizione (siamo i primi, siamo gli unici, siamo i migliori) che autentica liberazione. In poche parole c'è più sussiego che autenticità e sviluppo. (Lucia degli Scalzi)

Fritjof Capra rappresenta la Cultura di una rete sociale come una cellula con un nucleo culturale più definito e dei confini porosi. A seconda dei propri valori una cultura può essere aperta o chiusa, così come una cellula accetta alcuni elementi ed altri no.

  In sociologia

Influenzata dagli studi dell'antropologia culturale, la sociologia si dedica con particolare attenzione allo studio della cultura. Secondo la concezione di Tylor (antropologo inglese - 1871), si definisce cultura quell’insieme di segni, artefatti e modi di vita che gli individui condividono. In senso antropologico, cultura è tutto ciò che possiede un determinato significato (simboli, linguaggio), e il termine è riferito a un gruppo specifico: la cultura ha quindi dei confini riconoscibili. A partire dagli anni 60/70 del 900, il concetto di cultura ha iniziato ad avere un ruolo centrale e non più marginale. La struttura produttiva e occupazionale (società dei servizi) cambia e si sviluppano i vari settori. La cultura dunque porta cambiamento, che a sua volta valorizza il marketing, la qualità del prodotto, le strategie economiche: tutti elementi che necessitano la conoscenza. Ogni cultura è relativa alla società o al gruppo a cui appartiene. Essa può essere per esempio la vita familiare, la religione, gli abbigliamenti, le consuetudini ecc, ed è limitata ad un determinato arco di tempo e luogo. Uno dei più grossi errori della storia è stato quello di gerarchizzare la cultura, un vero e proprio atto di egoismo che ha comportato la credenza e il sostenimento di culture “superiori” ad altre, generando il blocco culturale delle nazioni e quindi conflitti internazionali. Oggi invece siamo nel pieno della globalizzazione: si può dunque parlare di Sincretismo, la fusione/conciliazione di più credenze.

  Distinzioni

La cultura si può distinguere in base agli Aspetti materiali e quelli Immateriali: 1) Aspetti materiali (cultura materiale): sono oggetti, artefatti, tecnologia e beni di consumo: prodotti da una società. Secondo William Ogburn (sociologo usa), rielaborando la teoria Marxiana, la cultura materiale muta sempre più velocemente in maniera progressiva. 2) Aspetti immateriali (cultura adattiva): linguaggio, simboli, conoscenze ecc. - Tuttavia esiste una correlazione (o meglio Interdipendenza) tra i due tipi di cultura, ovvero non può esistere la cultura materiale senza quella immateriale: la materiale è portatrice dell’immateriale, ed è responsabile dei cambiamenti e dei modi di vita. Secondo Weber, in Cina erano molto più avanzati dell’Occidente, ma la presenza dell’etica confuciana e il tipo di società bloccavano la rivoluzione capitalista. In occidente, invece, la rivoluzione protestante sbloccò il capitalismo e svegliò il suo sviluppo economico. La cultura immateriale è sempre più lenta: le mentalità rimangono immutate per secoli.

  Aspetti immateriali

Sono i valori, le norme e i simboli: 1) Valori: definiscono ciò che è considerato importante in una cultura. I valori sono le idee e le sensibilità. Guidano gli esseri umani nella loro interazione con l’ambiente sociale. 2) Norme: Regole di comportamento scritte (formali) o non scritte (informali), che riflettono i valori di una cultura. Il conformismo, per esempio, è l’adattarsi a opinioni, usi e comportamenti preesistenti e prevalenti. Le norme informali sono soggette a sanzioni da quelle formali. 3) Simboli: ogni insieme di lettere dell’alfabeto rimanda a un significato. Il linguaggio, infatti, è un simbolo. Ciò che ci distingue dagli altri esseri viventi, è la capacità di condividere e comprendere i simboli.

  Diffusione e Influenza

Esistono diversi tipi di cultura: 1) Cultura dominante (Egemone): è il cosiddetto senso comune, l’insieme delle opinioni prevalenti in una determinata società: il modo in cui giudichiamo le cose. 2) Subcultura: è l’insieme di valori o norme che identificano un gruppo all’interno di una società (Partito politico, Hacker, ecc.). Si pone al fianco di quella egemone, ma non per questo è da considerarsi inferiore. Non si pone in contrasto con essa. La società odierna è caratterizzata da più minoranze culturali. 3) Controcultura: si pone in conflitto con le norme dominanti e mina a sostituirsi a quella egemone (prevalente). È simile al concetto di anticonformismo.

  La cultura in base al soggetto produttore

Da chi viene creata una cultura? E a quali scopi? E’ possibile distinguere diversi livelli di cultura: 1) Alta cultura: composta da cose prodotte intenzionalmente dagli intellettuali, con uno scopo preciso, un proprio codice e canone estetico. 2) Cultura popolare: cultura prodotta non intenzionalmente da Non intellettuali nel corso delle loro attività sociali (es. cucina, costumi, proverbi). È la tradizione. 3) Cultura di massa (Pop): prodotta intenzionalmente dai mass media e dalle industrie. L’industria culturale è composta da cinema, tv, radio ecc, e traggono profitto economico. La cultura Pop è la cultura di massa che sostituisce la tradizionale cultura popolare, egemonizzando la vita quotidiana degli individui e dei gruppi. Il capitalismo e i mass media hanno dominato e pilotato in pochi anni gli individui e le loro menti, plasmandoli per mezzo dei prodotti di massa (di cui si fa un grande uso), pur avendo un margine di libertà di utilizzo.

  Il contributo di Émile Durkheim

Émile Durkheim, ponendosi il problema del perché la società mantenga un livello minimo di coesione, ritiene che ogni società si stabilisce e permane solo se si costituisce come comunità simbolica. Nel suo studio, e in quello dei suoi allievi, hanno una grande importanza le rappresentazioni collettive, cioè insiemi di norme e credenze condivise da un gruppo sociale, sentite dagli individui come obbligatorie. Esse sono considerate da Durkheim vere e proprie istituzioni sociali che costituiscono il cemento della società, consentendo la comunicazione tra i suoi membri e mutando con il cambiamento sociale.

  Il contributo della scuola di Chicago

Gli autori legati alla Scuola di Chicago sono interessati alla vita culturale nelle città americane e studiano i nuovi processi di integrazione, di comunicazione e mobilità sociale delle realtà urbane. Il sociologo William Thomas studia gli immigrati nelle società statunitensi e ritiene che le differenze di integrazione siano legate alla cultura e che la cultura abbia un carattere interattivo e processuale.

  Il contributo di Talcott Parsons

Dopo anni di scarso interesse da parte dei sociologi, Talcott Parsons riprende il tema della cultura e la considera come uno dei sottosistemi del suo sistema generale dell'azione (lo schema AGIL).

Parsons afferma che la cultura è costituita da sistemi strutturali o ordinati di simboli (che sono gli oggetti dell'orientamento all'azione), da componenti interiorizzate della personalità degli individui e da modelli istituzionalizzati dei sistemi sociali (Sistema sociale, 1951).

Parsons distingue quattro dimensioni idealtipiche principali della cultura:

  • Coerenza/incoerenza - Le proposizioni culturali costituiscono un insieme in cui sono individuabili dei principi ordinatori e non un agglomerato di elementi tra loro sconnessi. Il grado interno di coerenza è tuttavia variabile. Il conflitto (fra gruppi, nel gruppo e/o nell'individuo) per esempio può non essere fattore di disgregazione, ma di ordine. Maggiore è la complessità culturale, più difficile è mantenere conformità e coerenza.
  • Pubblico/privato - La cultura è pubblica nel senso che le proposizioni da cui è costituita sono codificate entro simboli e linguaggi collettivi all'interno di gruppi sociali e accessibili da tutti.
  • Oggettività/soggettività - La cultura è un fatto oggettivo, nel senso che va al di là degli individui per occupare uno spazio e una rilevanza sociale autonoma. Esiste infatti un lato soggettivo della cultura, costituito dalle interpretazioni che di questa danno gli individui
  • Esplicito/implicito - La cultura può essere manifesta, esplicitata, più o meno elaborata teoricamente, o può essere tacita, non tematizzata. In questo caso gli individui la condividono senza saperla necessariamente giustificare (il senso comune).

Oltre a queste dimensioni analitiche, si distinguono quattro componenti della cultura: valori, norme, concetti e simboli.

  Nell'era della globalizzazione

Con l'avvento della globalizzazione lo studio della cultura si complica e semplifica allo stesso tempo. Se nella modernità i territori erano concepiti come contenitori di culture, nell'epoca contemporanea la cultura viene studiata in una prospettiva relazionale e reticolare. L'antropologo svedese Ulf Hannerz afferma infatti che “in quanto sistemi collettivi di significato le culture appartengono innanzituto alle relazioni sociali e ai network di queste relazioni. Appartengono ai luoghi solo indirettamente e senza una necessità logica” (da La complessità culturale, 1998).

  Bibliografia

  • Ulf Hannerz, La complessità culturale, Mulino, Bologna, 1998;
  • James Clifford, George E. Marcus, Scrivere le culture, Roma, Meltemi, 2005;
  • James Clifford, I frutti puri impazziscono. Etnografia, letteratura e arte nel XX secolo, Torino, Bollati Boringhieri, 1999;
  • Georg Schwarz, Kulturexperimente im Altertum, Berlin 2010;
  • Michele Sorice, L'industria culturale in Italia, Editori Riuniti, Roma, 1998;
  • Werner Jaeger, Paideia, La formazione dell'uomo greco, Bompiani.
  • Alberto Mario Cirese, Cultura egemonica e culture subalterne, Palumbo, Palermo, 1972.
Enciclopedia delle Scienze Sociali Treccani

  Voci correlate

  Altri progetti

   
               

 

All translations of cultura


sensagent's content

  • definitions
  • synonyms
  • antonyms
  • encyclopedia

  • definizione
  • sinonimo

   Advertising ▼

Webmaster Solution

Alexandria

A windows (pop-into) of information (full-content of Sensagent) triggered by double-clicking any word on your webpage. Give contextual explanation and translation from your sites !

Try here  or   get the code

SensagentBox

With a SensagentBox, visitors to your site can access reliable information on over 5 million pages provided by Sensagent.com. Choose the design that fits your site.

Business solution

Improve your site content

Add new content to your site from Sensagent by XML.

Crawl products or adds

Get XML access to reach the best products.

Index images and define metadata

Get XML access to fix the meaning of your metadata.


Please, email us to describe your idea.

WordGame

The English word games are:
○   Anagrams
○   Wildcard, crossword
○   Lettris
○   Boggle.

Lettris

Lettris is a curious tetris-clone game where all the bricks have the same square shape but different content. Each square carries a letter. To make squares disappear and save space for other squares you have to assemble English words (left, right, up, down) from the falling squares.

boggle

Boggle gives you 3 minutes to find as many words (3 letters or more) as you can in a grid of 16 letters. You can also try the grid of 16 letters. Letters must be adjacent and longer words score better. See if you can get into the grid Hall of Fame !

English dictionary
Main references

Most English definitions are provided by WordNet .
English thesaurus is mainly derived from The Integral Dictionary (TID).
English Encyclopedia is licensed by Wikipedia (GNU).

Copyrights

The wordgames anagrams, crossword, Lettris and Boggle are provided by Memodata.
The web service Alexandria is granted from Memodata for the Ebay search.
The SensagentBox are offered by sensAgent.

Translation

Change the target language to find translations.
Tips: browse the semantic fields (see From ideas to words) in two languages to learn more.

 

7378 online visitors

computed in 0.062s

I would like to report:
section :
a spelling or a grammatical mistake
an offensive content(racist, pornographic, injurious, etc.)
a copyright violation
an error
a missing statement
other
please precise:

My account

login

registration

   Advertising ▼